Salone Internazionale del Libro

Il Salone internazionale del libro rappresenta la più importante manifestazione italiana nel campo dell'editoria. Trattasi di un vero e proprio festival del libro, degli editori, degli scrittori, dei lettori e della lettura. Si svolge, annualmente dal 1988, presso centro congressi Lingotto Fiere di Torino, nel mese di maggio. Un grandissimo spazio espositivo ospita numerose case editrici, sia grandi che piccole, e si susseguono conferenze, spettacoli, iniziative didattiche e presentazioni di libri.
Il Salone Internazionale del libro di Torino è di fatto la risposta italiana al Salone del libro di Parigi, ciò nonostante è la seconda in Europa dopo la Buchmesse di Francoforte per numero di espositori, mentre è addirittura la prima per numero di partecipanti (oltre 300.000).

Il tema annuale

Una delle principali caratteristiche di questa manifestazione è la presenza di un tema annuale, sul quale si muove l'intera edizione. Questi temi possono essere moderni rivolti all'ambito sociale, oppure più generali, come nel caso dell'edizione 2005, in cui il tema principale era quello del sogno. L'ambito tematico tocca soprattutto le attività che fanno da contorno, come ad esempio gli spettacoli e le conferenze.
Dal 2008 in poi, ad esempio, i temi sono stati: la bellezza; io, gli altri; la memoria, svelata; la memoria, seme del futuro; primavera digitale; dove osano le idee, bene in vista; le meraviglie d'Italia; visioni.
Ogni anno vi è anche un paese ospite, con cui si hanno degli scambi culturali riguardanti l'editoria. In tal senso, non mancano solitamente anche approcci critici verso determinati paesi che adottano determinate politiche.

I giorni del Salone del Libro di Torino

Il Salone del Libro di Torino prende luogo nel mese di maggio, solitamente per un totale di cinque giornate. Considerando i numeri dei visitatori (oltre 300.000) e degli espositori, (oltre 1.000), è ovviamente quasi superfluo sottolineare che si tratta di un grandissimo evento, culturalmente e statisticamente parlando.

Durante i cinque giorni dell'esposizione prendono vita quasi 1.500 tra convegni, dibattiti, presentazioni editoriali e spettacoli. Molto importante è anche il numero degli incontri professionali tra gli operatori dei vari paesi, che forniscono la prova oggettiva dell'importanza strategica di questo evento per l'editoria Europea, un fattore fondamentale per la propagazione e l'evoluzione culturale dell'Europa, oltre che dell'Italia.

Da sottolineare che a partire dal 2004, la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura organizza negli stessi giorni del Salone del Libro, il Salone Off. Si tratta di una serie di iniziative atte a portare autori e libri del Salone anche in luoghi canonici e non come scuole, centri di quartiere, biblioteche, musei, ospedali, teatri, case popolari, impianti sportivi, botteghe, mercati, strade, piazze, giardini, parchi ecc. L'obbiettivo è quello di ramificare l'effetto del Salone in tutta la città, e non meramente per un fine promozionale, bensì genuinamente culturale.