Pasquetta

Il Lunedì dell'Angelo, meglio noto come Pasquetta, è un giorno festeggiato da numerosi paesi di tutto il mondo. In pochi, tuttavia, sanno alcuni particolari concernenti questo giorno. Ad esempio, come nasce, oppure il fatto che sebbene sia di carattere religioso non è prettamente religioso.

Come nasce la festa di Pasquetta?

Questa festa nasce con la commemorazione dell'incontro dell'angelo con le donne giunte al sepolcro di Gesù. Il Vangelo, infatti, racconta che quando tre donne (le tre Marie) si recarono al sepolcro e videro il masso di copertura spostato, rimasero perplesse, smarrite e preoccupate, poiché non capivano cosa fosse successo. A quel punto, il Vangelo, dice che apparve loro un angelo che disse di non avere paura perché Gesù era risorto e che il posto in cui era deposto era ormai vuoto. Avuta questa notizia, le tre donne andarono a raccontare l'accaduto agli Apostoli.

L'Ottava di Pasqua e la tradizione

L'espressione “Lunedì dell'Angelo”, diffusa in Italia, tuttavia non fa parte del calendario liturgico della Chiesa Cattolica, che lo indica come il Lunedì dell'Ottava di Pasqua. In pratica, non è un giorno di precetto per i cattolici, eccezion fatta per la Germania e alcuni paesi germanofoni.

Ciò vuol dire che per la Chiesa Cattolica non vi è “l'obbligo” di partecipare alla Messa, rendere culto a Dio, offrire riposo a mente e corpo ecc. Si tratta di un giorno “libero”, per i cattolici e che quindi non appartiene a quelle feste per cui occorrerebbe, secondo comandamento, “santificare le feste”.

Quindi, più che festa religiosa, si deve parlare di festa tradizionale, civile, popolare. Sebbene in pochissimi osservino le pratiche religiose, il lunedì successivo alla Pasqua è il tradizionale giorno in cui ci si riunisce per mangiare fuori casa insieme ai propri cari o ai propri amici. Tradizionalmente, vi è una gita o scampagnata, con annesso pic-nic sull'erba con delle attività all'aperto, oppure l'utilizzo di strutture come piccole case di campagna al fine di cucinare sul luogo. Per noi italiani, una buona festa comporta sempre una buona mangiata.
Se avete un altro giorno libero o di ferie e volete continuare a festeggiare la Pasquetta, potete recarvi in una di queste località: Marano di Napoli, Nicosia, Castrovillari, Pallagorio, Venafro, Noicattaro, Formello, Copertino. Infatti, in queste località si festeggia il martedì (e non il lunedì) successivo alla Pasqua. Se proprio volete festeggiarla in grande, recatevi a Carovigno (Brindisi), dove i festeggiamenti durano una settimana fino al sabato successivo, per via della festa patronale di Maria Santissima di Belvedere e della tradizione delle Nzegna (con sbandieratori e battitori).